Set 04 2020

wekk end Val D’ Aosta
wekk end  Val D’ Aosta avatar

Tag: Gite,Senza categoriaNico @ 21:27

18 — 19  Luglio

Ritrovo alle ore 7 all’ autogrill di San Zenone per la partenza! Dopo aver fatto colazione, Marisa/Brelio. Lorenz/Azzurra. Luca/ Moira . Marco mago.
 
 
E Ornello  ci si avvia in autostrada in direzione Quincinetto, Valle d ‘Aosta per un annuale meta attesa con piacere dal Gruppozonarossa! Appena arrivati  ad Aosta non puoi far a meno di tenere lo sguardo rivolto verso l’alto, dove imponenti le montagne che circondano ricordano la piccolezza dell’uomo al cospetto di madre natura, mentre cerchi con lo sguardo vette alte e particolari che avevi lasciato l’anno prima !
Enrico  il nostro romano valdostano socio del gruppo , ci aspetta , a casa sua per condurci all’hotel che ci ospita dove è già arrivato Beppe Piccioni partito la sera prima!Hotel Bicoque, struttura accogliente immersa tra prati e frutteti con bellissima vista a soli 5 minuti da Aosta! Personale cordialissimo, colazione abbondante torte strepitose!!!Depositati  i bagagli abbiamo intrapreso il nostro tour organizzato con maestria da Enrico. Prima tappa Cogne , ovviamente , attraverso curve tornanti e panorami da paura!! Indi per le cascate Lillaz ed ecco qui la sorpresa… parcheggiato i mezzi abbiamo scalato percorsi tortuosi vestiti di tutto punto da moto sotto sole cocente.
 
 
Per fortuna ogni tanto un ruscellino di acqua gelata dove rinfrescarsi ci ha alleviato il cammino! Enrico ci ha fatto trovare i panini pronti così da gustarli immersi nella natura!! Dopo aver pranzato abbiamo proseguito la nostra camminata tortuosa con foto simpatiche e battute e risate ! Raggiunta la parte più alta accessibile della cascate abbiamo capito che ne era valsa proprio la pena !
Tutti i sensi accesi per la percezione della freschezza della cascata i colori dei fiori e gli odori riposanti ! Discesa , Un breve break al bar e di nuovo in sella direzione colle San Carlo, la Tuille e colle del piccolo San Bernardo, cascata Lanteney, ritorno in hotel! Doccia veloce e grigliata a casa Cavallieri ! Splendida cena e ottima preparazione di leccornie da parte di Maria moglie di Enrico! Esausti sazi ci siamo salutati per la notte!
 
 
 
 
L’indomani sveglia presto bagagli pronti e dopo un ‘ottima strepitosa colazione ci siamo diretti al primo benzinaio per il pieno e li abbiamo avuto la prima delle sorprese… un nostro mezzo fermo !! Ma grazie alla maestria del nostro amico mago e all’aiuto di amici improvvisati  è stato presto risolto … se nonché dopo pochi km un altro mezzo fermo  e allora si che tutti all’unisono abbiamo rievocato ,grazie al nostro socio Mago,le parole di Battisti” quel gran genio del mio amico ….con un cacciavite in mano fa miracoli.. riparare una frizione e ripartire!!!!” Ripartiti ci siamo diretti a Gressoney dove ci siamo  fermati per il pranzo e osservare la maestosità del massiccio del Monte Rosa!! Pranzo al ristorante  Capanna Carla,  dove l’abbondanza la squisitezza e la simpatia del gestore e dei camerieri ci ha innamorati tutti!!! Rifocillati e felici con foto di rito abbiamo salutato con la promessa di tornare!!! Direzione La Trinite e visita al castello Savoia!!!
 
 
Tante foto tante risate e occhi pieni di ogni bellezza , ci siamo salutati con Enrico con il dovere di rivederci presto!!! AO che non sta solo per AO sta!!! Autostrada e a casa!!! Km percorsi  circa 1100!!!
 
by  AZZURRA

Set 01 2020

GITA LAGO DI TOVEL
GITA LAGO DI TOVEL avatar

Tag: Gite,Senza categoriaNico @ 21:49
12-07-2020
 
Presenti al ritrovo: Massi e Azzurra rispettivamente con xr1000 e mt07 pronti a raggiungere Omar
che aspettava al piazzale di Soncino con la sua xr1000, a sorpresa Marisa con la mt07 e Brelio con
la sua xr1000.
 
 
 
Si accendono i motori e si parte direzione Tonale, piccola pausa per una foto ricordo e si riparte
passando per Cles, pausa pranzo prima di salire al Lago di Tovel presso ristorante pizzeria “al capriolo”
 
 
 
Arrivati, parcheggiamo le moto e inizia la nostra escursione sul sentiero che circonda il lago,
panorama fantastico circondato da tanto verde e piante secolari.
Decidiamo di fermarci ad una piccola spiaggetta per qualche scatto per poi tornare indietro alle
nostre moto.
 
 
 
 
Rientro passando da Molveno, Idro e naturalmente per le Coste di Sant’Eusebio.
495 km percorsi.
 
 

Lug 07 2020

MONTE BALDO 28/06/2020
MONTE BALDO 28/06/2020 avatar

Tag: GiteNico @ 23:36
 
 
Oggi, sveglia presto, per una nuova giornata in sella alle nostre moto.
Ritrovo a Soresina alle 9:00. Scegliamo con cura il nostro punto di ritrovo per poterci ricaricare con un bel
caffè ed all’arrivo, sorpresa!! Il bar è chiuso la domenica! Ma nessun problema, noi siamo già tutti belli
carichi e pimpanti e pronti per il nostro motogiro. Siamo in 5 moto e 9 centauri: Marisa e Brelio, Azzurra e
Lorenz, Moira e Luca, Marco e Melissa ed il mitico Ornello!
Partiamo quindi, senza caffè, in direzione lago di Garda. Attraversiamo la verde pianura cremonese e
bresciana fino ad arrivare alla strada dalle mille rotonde, passiamo davanti alla storica discoteca Florida e
proseguiamo verso il mantovano.
Facciamo una breve deviazione per vedere il centro storico di Solferino, antico borgo dove si è consumata la
storica battaglia.
Sono circa le 10:00 quando dall’alto delle nostre selle iniziamo ad intravedere il lago; siamo giunti a
Peschiera del Garda. Le strade sono già piene di turisti e di cittadini che si vogliono godere questa bella
giornata di sole. Prendiamo quindi la strada Gardesana e decidiamo di fare la prima breve sosta per
prendere finalmente il tanto desiderato caffè.
La nostra breve sosta ci ha rinvigoriti e siamo quindi pronti per continuare la nostra strada proseguendo per
Caprino Veronese il punto di inizio delle nostra salita verso il Monte Baldo.
Finalmente la strada si fa più interessante e sicuramente più divertente! Curve e tornanti, accelerate e
frenate, il tutto con una vista che si rinnova ad ogni curva.
Arriviamo quindi fino al punto di risalita al Monte Baldo con la famosa funivia di Malcesine, ma noi, da “veri
duri” proseguiamo fino al punto più alto raggiungibile con le moto dove dobbiamo forzatamente fermarci e
parcheggiare i nostri mezzi a bordo strada, ma sempre in sicurezza.
Ed ora arriva il bello: una passeggiata montana per arrivare fino alla sommità del Monte Baldo dove ci
aspetta un abbondante pranzo presso il rifugio La Capannina.
Dopo esserci riposati e riempiti le pance, andiamo a vedere il famoso panorama che si gode da questo
monte: una vista mozzafiato si apre davanti ai nostri occhi…tutto il lago di Garda visto dall’alto, con la
scogliera della sponda bresciana a picco sul lago. Tremosine ci guarda dal lato opposto…ora siamo noi a
vedere la famosa “terrazza del brivido”. Un vero spettacolo per gli occhi e per lo spirito.
Staremmo qui ore a rilassarci in questo splendido posto, dove ci sono anche delle bellissime mucche al
pascolo, ma è ora di ripartire!
Torniamo quindi alle nostre moto e ci rimettiamo in sella per il ritorno. Scendiamo verso Riva del Garda
dove ci fermiamo per una sosta carburante. Da qui ci dirigiamo verso la Val di Ledro ed arriviamo al famoso
lago, molto gettonato da chi vuole godersi il sole ed il fresco.
Ci fermiamo qui, per rinfrescarci e ricaricarci con una bella bibita fresca, ma non possiamo fermarci molto!
Sono già le 18:30 ed ora di riprendere le moto per il rientro a casa.
 
Da qui arriviamo al Lago d’Idro e purtroppo iniziamo a trovare il traffico del rientro. Decidiamo quindi di
deviare il nostro percorso dirigendoci verso una delle strade più belle: le coste di Sant’Eusebio che da
Barghe ci portano fino a Brescia.
Sono le 19:15 circa, si è fatta ora di rientrare davvero a casa, la stanchezza si fa sentire!
Attraversiamo la pianura passando stavolta da Orzinuovi e poi Soncino e salutarci per andare a parcheggiare
i nostri mezzi, aspettando un nuovo motogiro in compagnia!

  km percorsi circa 480  

articolo by Moira


Giu 28 2020

MOTOGIRO A PORTOVENERE (LIGURIA) del 21 giugno
MOTOGIRO A PORTOVENERE (LIGURIA) del 21 giugno avatar

Tag: Gite,Senza categoriaNico @ 22:52
 
Oggi, primo giorno d’estate, come non iniziare alla grande la stagione dei giri estivi se non facendo una gita
al mare?
 
 
Partenza alle 8:30 da Cremona in 4 moto (3 coppie: Marisa e Brelio, Azzurra e Lorenz, Moira e Luca e 1
singolo: Beppe Piccioni) alla volta della strada della Cisa.
 
 
Attraversiamo le terre Verdiane tra ville d’epoca e campi coltivati a grano e mais  arriviamo a Fornovo
dove facciamo una prima breve tappa per sgranchire le gambe.
 
 
Proseguiamo poi verso Berceto, ultimo paese della provincia di Parma e iniziamo la nostra salita verso il
Passo della Cisa, tra curve e tornanti dalla cui sommità si può scorgere tutta la pianura Padana dove l’occhio
si perde in questa sconfinata distesa di campi coltivati e di campanili lontani.
 
 
Verso le 11 arriviamo sul Passo della Cisa dove ci aspetta la quarta coppia del gruppo di oggi (Marinella e Davide)
Dopo le foto di rito e qualche saluto ad amici che abbiamo trovato qui per caso, risaliamo in sella alle nostre
moto per proseguire il viaggio scendendo finalmente in Liguria.
 
 
Per arrivare velocemente alla nostra destinazione decidiamo di percorrere un breve tratto di autostrada tra
Pontremoli e La Spezia.
 
 
Da subito la città di La Spezia ci accoglie con i suoi bellissimi ed ampi viali delimitati da giardini di palme e
palazzi di pregio. La nostra strada prosegue ammirando (da fuori) il Museo Tecnico Navale e costeggiando
poi il Golfo dei Poeti.
Si iniziano qui ad intravedere le graziose case dai colori pastello “aggrappate” alle montagne che si
affacciano direttamente sul mare per poi raggiungere in brevissimo tempo la cittadina di Portovenere.
 
 
Qui, non senza la nota difficoltà nel trovare parcheggio, riusciamo dopo un paio di giri “panoramici” a
posteggiare le nostre moto.
E’ ora di pranzo ormai quindi decidiamo di andare a mangiare il nostro pranzo “al sacco” direttamente in
uno dei luoghi più affascinanti della città: il promontorio roccioso dove si trova la Chiesa di San Pietro e dove
possiamo godere di una vista mozzafiato sulla Grotta di Lord Byron.
 
 
Dopo le foto di rito insieme alla statua di Madre Natura (con la quale ci scusiamo per averla importunata
:-P), decidiamo di fare una passeggiata fino alle rovine del Castello Doria, da cui si può ammirare tutta
Portovenere e l’isola Palmaria che si trova proprio di fronte.
     
Decidiamo quindi di scendere dall’altro lato del castello, passando tra stretti vicoli e scalinate strette e
ripide. Questa passeggiata però ci ha fatto venire sete! Decidiamo quindi di fare una piccola sosta
sorseggiando una fresca bibita su un grazioso balconcino che si affaccia direttamente sul porticciolo.
 
 
Decidiamo quindi di riprendere la strada di casa, stavolta passando dal Passo Centocroci che divide la Liguria
dall’Emilia Romagna. Qui il panorama è di nuovo diverso, con le mucche al pascolo che ci guardano con aria
curiosa e noi che sfrecciamo di nuovo verso la pianura padana.

Continue reading “MOTOGIRO A PORTOVENERE (LIGURIA) del 21 giugno

MOTOGIRO A PORTOVENERE (LIGURIA) del 21 giugno avatar


Giu 18 2020

PRIMA USCITA UFFICIALE 2020
PRIMA USCITA UFFICIALE 2020 avatar

Tag: Gite,Senza categoriaNico @ 21:09

Nonostante un meteo incerto i temerari del   GZR  Marisa  Brelio – Lorenz  Azzurra – Nello – Umberto  Molaschi  Martina , hanno affrontato la prima gita della stagione. 

Partenza ore 1o:30  direzione Bobbio   con sosta al tradizionale bar in centro,

dove abbia incontrato gli amici del gruppo di  Fornovo  e  Fabrizio e Anna 

Dopo i saluti di rito ripartiamo verso  il caratteristico paesino d BRUGNELLO  per qualche foto e poi pranzo a MARSAGLIA  dove ci raggiunge anche  Luca  Bonvini  e di seguito OTTONE  E  VAL D’ AVETO percorrendo curve conosciutissime ma sempre divertenti .

     

Soddisfatti della giornata , del meteo clemente e un aperitivo veloce  facciamo ritorno verso casa 

Partecipanti  9

km percorsi circa  250 

 

 


Ott 29 2019

29 09 2019: Valli Bergamasche
29 09 2019: Valli Bergamasche avatar

Tag: GiteNico @ 18:42

Ormai siamo agli sgoccioli della nostra stagione motociclistica, quindi approfittiamo di questa domenica di sole per fare ancora qualche giratina.

Stamattina ritrovo alle 08:30 in crema davanti a “Sissi moto”, presenti: Piccioni, Dino, Claudio, Brelio, Marisa, Ivan, presenti inoltre anche alcuni soci non del Gruppo Zona Rossa, tra cui Elia, Giandomenico, Davide, Luigi, Massimo, Fabrizio e sua moglie Anna, Beppe Torrisi e sua moglie Patrizia.

Raggruppati tutti si parte per raggiungere il nostro socio Aldo che ci aspettava davanti a Bruno Moto ad Alme’.

Con il gruppo al completo, ben 13 moto e 3 zavorrine, si parte verso la Val Brembana con tappa al Bar “da Rosa” per un aperitivo presso Camerata Cornello.

Proseguiamo verso la Val Seriana, salendo su dal Passo Zambla, una volta arrivati sul Passo il Giando si accorge che aveva forato la gomma posteriore, fortunatamente Fabrizio era munito di kit cosi abbiamo potuto riparare la gomma per poter proseguire verso la nostra meta.

Raggiungiamo il ristiorante “Il Moro” a Parre per degustare un piatto tipico del posto, gli scarpinocc ripieni di formaggio.

Riprendiamo la strada verso Lovere, costeggiando il lago arriviamo a Sarnico, piccola sosta per un gelato e qualche foto, rimontiamo in sella e via verso casa, un grazie a tutti i presenti per la bella giornata trascorsa e la bella compagnia.

by MARY


Ott 05 2019

Palazzuolo 2019
Palazzuolo 2019 avatar

Tag: Comunicazioni soci,GiteNico @ 16:28

Finalmente è arrivato il tanto atteso e più caratteristico week end del GRUPPOZONAROSSA, ossia quello che ci porta a passare una serata in compagnia gustando dell ottima cucina e dandoci la possibilità di fare i passi più caratteristici dell appennino Tosco Emiliano.

Quello a PALAZZUOLO SUL SENIO presso l hotel Europa, ormai una vera tradizione del gruppozonarossa e visto che quest anno è il decimo anno di presenza molti del gruppo non hanno voluto mancare.

Visto l abbassamento delle temperature si è pensato di partire alle ore 8 dal casello della Bassa Lodigiana, dove erano presenti i seguenti soci: Nico, Marisa & Brelio, Azzurra & & Lorenz, Dino, Paolino, Omar, Camoz e Ornello.

Proseguiamo fino a Modena nord poi usciamo e come primo passo ci concediamo l Abetone.

Arriti in cima ci ritroviamo con degli amici ESSISTI di Nico, dopodiché riprendiamo la strada e passiamo vicino allo stupendo lago di Suviana dove ci fermiamo per un leggero pranzo.

Da lì inizia poi il godimento di curve con il susseguirsi di tre passi dal tracciato veramente al top, la Futa, la Raticosa e per ultimo il passo Fagiola che ci porta a Palazzuolo sul Senio.

Lì in albergo ci aspettavano le ultime pecorelle del gruppo, il Leo Doc e Piccioni che purtroppo son partiti più tardi per problemi di lavoro ed hanno optato per la più comoda e veloce autostrada.

Come da tradizione dopo aver parcheggiato le moto ed essersi docciati, tutti fuori per l aperitivo, aspettando l orario per la gustosa cena che ci ha preparato la signora della hotel. (le foto renderanno l idea, più che mille parole).

Una volta finita la cena, giretto in paese per smaltire un pó e prima della nanna un buon digestivo per aiutare il nostro povero stomaco al lavoro supplementare che dovrà fare.

Poi tutti in camera a riposare visto che per il giorno dopo ci aspettano dei bei passi molto impegnativi.

Ore 8 tutti a far colazione e dopo aver fatto le foto di rito si caricano i bagagli sulle moto e si parte per il secondo itinerario del week end a parte il Leo Doc e Piccioni che decidono di prendere l autostrada e dirigersi velocemente a casa. 

Il resto del gruppo invece parte per altri passi, il primo con la faccia ancora addormentata e le gomme fredde è il passo SAMBUCA che comunque è sempre uno spettacolo da fare. 

Si prosegue poi per il più caratteristico passo Tosco Emiliano, il mitico Muraglione

Arrivati in cima per una pausa caffè, facciamo le varie foto di rito. 

Scesi dal Muraglione ci fermiamo per un panino veloce, dato che eravamo un pó in ritardo sulla tabella di marcia. 

Da qui il gruppo si divide ancora una volta, giustamente per impegni familiari i soci Omar, Paolino, Ornello e Dino decidono di prendere l autostrada ad Imola e tornare a casa. 

Ma lo zoccolo duro del GRUPPOZONAROSSA, Nico, Camoz, Lorenz & Azzurra, Brelio & Marisa decidono di proseguire  con l itinerario fatto per il secondo giorno. 

Salutati gl altri, pronti per far in sequenza i rispettivi passi:

Carnaio, Mandrioli e Consuma

I primi due con un manto stradale non delle migliori condizioni, ma il Consuma ci ha fatto divertire con il suo susseguirsi di curve e controcurve in una perfetta sequenza.

Fatta l ultima pausa sul passo, gl ultimi temerari hanno deciso di prendere l autostrada a Firenze, visto che dopo molti km eravamo un pó cotti.

Per tutti i partecipanti è stato un bellissimo week end in compagnia e questo ha fatto piacere a tutto il direttivo del GRUPPOZONAROSSA visto l impegno per organizzare tutti i particolari del week end. 

Caro PALAZZUOLO dopo la festa ed il divertimento  del decimo anno, mi sembra giusto continuare la tradizione e ritornare al hotel Europa anche per il prossimo 2020.

by   NICO


Set 06 2019

01/09/2019 GITA BOBBIO-BETTOLA
01/09/2019  GITA BOBBIO-BETTOLA avatar

Tag: GiteLeo @ 19:06

Breve gita del GZR  dove mi sono aggregato  dopo diverse domeniche di mia assenza e ritrovo programmato presso il noto distributore Agip prima del ponte di Po di Cremona.

Presenti alla partenza : Marisa e Brelio, Umberto e Anna, Beppe Piccioni, Amighetti, Paolo Gatti, Marco Caccia e il sottoscritto Leo doc. Si parte in direzione Bobbio dove, come al solito, si fa una breve tappa in piazza sempre gremita di altri centauri. Si riparte per Marsaglia e si devia in direzione Ferriere. Sono circa 22 km di curve e semicurve, con asfalto un pò dissestato, ma sempre percorribile e con pochissimo traffico. Si arriva sul passo del Mercatello e si discende verso Ferriere.

Si ritorna poi verso Farini e infine si giunge a Bettola dove ci attende l’Agri-ranch la Betla. Ristorante già frequentato in altra occasione ma con altra gestione. Ci siamo accomodati sotto un ampio porticato e il pranzo è iniziato con antipasti di salumi e formaggi (buoni ma un pò scarsini ), tortelli verdi e tagliatelle al ragù, per i secondi alcuni hanno scelto spiedini e altri una buona bistecca( un pò troppo al sangue ), crostate ….

Prezzo accettabile, ma servizio non all’altezza della precedente gestione. Al termine del pranzo si è avvicinato un brutto temporale che ci ha costretti a un immediato ritorno. Ultima tappa a Cremona presso il Bar Paradise. Alla prossima .

Partecipanti 9

moto 7

Km 220


Set 03 2019

25-08-19: Passo CISA / CERRETO
25-08-19: Passo CISA / CERRETO avatar

Tag: GiteNico @ 22:16

Domenica 25 Agosto

Per questa domenica il GRUPPOZONAROSSA ha organizzato una classica gita che si propone ogni anno, ma è sempre un piacere farla in compagnia visto il bel percorso che ci regala il passo CISA ed il passo del CERRETO.

Il ritrovo per questa domenica è avvenuto presso il BAR CIVICO 2 di Annicco intorno alle ore 8.

Oltre ai soci del gruppo, Marisa, Brelio, Piccioni, Nico, Riccardo e Sonia si sono aggregati dei giovani motociclisti amici di Riccardo.

Si parte e si va verso Busseto, dove prendo il comando e faccio fare ai partecipanti la strada secondaria che passa da Roncole Verdi, paese del noto musicista Giuseppe Verdi.

Arrivati poi a Fornovo, tappa benzina e partenza per il passo CISA.

Purtroppo il passo è inondato da olio idraulico rovesciato da una gru in transito, quindi il ritmo rimane molto blando.

Arrivati in cima al passo, dopo le foto di rito, iniziamo la discesa fino ad Aulla, stando attenti ad gli innumerevoli autovelox.

Finalmente inizia il passo CERRETO, ma intanto che iniziamo la scalata notiamo che sul passo ci sono molte auto delle forza dell ordine.

Arrivati a Fivizzano capiamo il perché, anche se a noi non c’è ne frega niente, ma c è Mattarella presente per un comizio.

Arriviamo sul passo e grazie ad un suggerimento di Riccardo e Sonia ci fermiamo in un ristorantino, dove abbiamo mangiato da dio.

Purtroppo appena partiti siamo incappati in un diluvio universale che ci ha costretto a limitare il passo, rovinando il piacere di guida.

Il tempo inizia a migliorare verso Castelnuovo ne Monti, proprio dopo aver visto lo spettacolo della Pietra di Bismantova.

Raggruppati tutti ad un distributore in fondo al passo, ci togliamo le tute antiacqua e ci dirigiamo verso casa prendendo la direzione per Parma, poi proseguiamo tutti insieme verso Cremona.

Dopo la città alcuni tornano a casa, invece altri si fermano per un aperitivo veloce al Bar Paradise.

Gran bella domenica, anche se non ci voleva l acquazzone in stile tropicale, ma comunque il divertimento non è mancato e con grande piacere abbiamo avuto i complimenti dai nuovi giovani motociclisti per l organizzazione del giro.

10 PARECIPANTI 8 MOTO circa 400km

                                                                                                                                         by NICO


Ago 27 2019

WEEK AOSTA 2019
WEEK AOSTA 2019 avatar

Tag: GiteNico @ 21:48

Ormai sta diventando una tradizione, per il terzo anno consecutivo il Gruppo Zona Rossa torna in trasferta per il week-end tra la Val d’Aosta e la Francia, alla scoperta di luoghi mozzafiato grazie alla nostra guida impeccabile Enrico Cavalieri.

Ritrovo all’Autogrill di San Zenone (LO), partecipanti: Brelio, Marisa; Azzurra, Lorenz, Mario, Polina, Dino, Ornello, Moira e Luca.
Percorriamo l’autostrada direzione Quincinetto, dove ci aspettava la nostra guida Enrico, successivamente ci dirigiamo verso Champoluc per pranzare presso il ristorante “Kondor”.

Successivamente ripartiamo alla volta di Aosta passando per Col di Joux, scendendo poi per Saint Vincent.
Giro per il Grand San Bernardo con breve sconfinamento in Svizzera, per poi concludere la giornata con un ottima cena presso l’agriturismo “Les Chariots”.

Domenica mattina; partenza per le ore 9:00 direzione Colle dell’Iseran, vista all’Orrido e al Monte Bianco.
Breve sosta per un aperi-pranzo presso “Le Cloux” a La Thuile.
Ripartiamo alla volta del Piccolo San Bernardo, scendendo in Francia presso Bourg Saint Maurice con breve sosta alla diga di Tignes.

Dopo una veloce sosta ad Iser, saliamo al colle dell’Iseran per poi rientrare in Italia dal colle del Moncenisio fino a Susa.

Che dire, un week-end perfetto tra paesaggi mozzafiato, buon cibo e ottima compagnia con cui condividere ben 900km.

Enrico Cavalieri – Marika La Vigna


« Pagina precedentePagina successiva »