Ott 04 2008

BIMOTA: opere d’arte su 2 ruote
BIMOTA: opere d’arte su 2 ruote avatar

Tag: Test e SondaggiBMWista @ 23:30

Oggi vi parlo di una delle piu’ caratteristiche case motociclistiche italiane:  la BIMOTA

Come si sa questa fabbrica produce dei veri gioielli su 2 ruote ed anche il prezzo è la conferma, ma basta solo guardare un modello prodotto di qualsiasi anno  che si capisce  cosa si ha fra le mani.

bimota1.jpg

Per chi non lo sapesse prima di costruire moto la BIMOTA era una fabbrica che produceva climatizzatori, ma dalla passione per le due ruote dei suoi  titolari trasformo’ in una fabbrica costruttrice di moto da sogno.

Nei primi periodi erano di piu’ le difficoltà che le soddisfazioni, ma proprio nel lontano 1974  da una sventura di uno dei titolari che ebbe un incidente  con una Honda 350 four,  da quei rottami nacque la prima BIMOTA che conquistò subito la 200 miglia di Imola.

E da li ad oggi puo’ vantare  3 titoli mondiali e piu’ di 30 campionati italiani grazie a piloti come  CECCOTTO, AGOSTINI, UNCINI, LUCCHINELLI ecc..

Ma dopo di tutto dovette decidere  solo moto per uso agonistico o produrre anche moto stradali ?

E come disse uno dei titolari  ” E’ COME VENDERE IL GHIACCIO AGLI ESQUIMESI “, proprio così il Giappone è il migliore acquirente di tutti i modelli  della casa riminese.

In BIMOTA non vengono prodotti i motori vengono presi da DUCATI  e dalle varie casa nipponiche, ma vengono ottimizzati nel loro rendimento il resto viene prodotto quasi artigianalmente ed a ogni pezzo c’è un tecnico che da la sua approvazione.

E qui la domanda che  a tutti i visitatori:  ma secondo voi da dove deriva il nome BIMOTA?????

Vediamo se siete dei veri esperti, se non indovinate la risposta verrà messa fra una settimana  CIAO CIAO SMANETTONI 

Be Sociable, Share!