Set 09 2015

Mitici Matteo & Maino,peccato per Sam!!!
Mitici Matteo & Maino,peccato per Sam!!! avatar

Tag: Comunicazioni soci,Gite,Senza categoriaAmministratore @ 16:15

Io posso solo far i miei complimenti per aver portato con onore il logo del nostro GRUPPOZONAROSSA per la seconda volta   per km e km e da quì faccio il copia ed incolla del  diario di viaggio.

GRANDE MATTEO

Ora racconta tu…………………

Il giro di inizio agosto sulle Dolomiti tra i passi aplini ha scatenato una strana e irrefrenabile fame di tornanti. La voglia di ripetere un esperienza simile è molta quindi non passa molto tempo che insieme al mio complice di queste avventure Maino si decide di organizzare un altro giro. Una meta che tempo fa ci eravamo prefissati di fare è il passo dello spluga e quindi perché no? Facciamolo! Si comincia con l’organizzazione del giro.Nel frattempo molti del gruppo zona rossa si stanno facendo anche loro un bel viaggetto godendosi un weekend in Austria.Parlando del nostro giro con alcuni dei membri rimasti a casa del gruppo , facciamo invogliare il nostro buon Samuele. Il nostro duo diventa ben presto un trio. Samuele parte attiva nella preparazione, propone un “road map” con possibilità di alcune varianti davvero interessanti. Fin da subito, causa impegni lavorativi, è costretto a tenere dubbia la sua presenza in questo giro. Cerchiamo di rimanere positivi nei giorni che precedono la partenza ma purtroppo arriva il messaggio che non volevamo leggere da Sam. “Ragazzi non riesco venire”….

 

Il trio con tristezza ritorna ad essere un duo. Arriva sabato, ritrovo alle 7:30 a castelverde, pieno di benzina e si parte. Direzione Bergamo. Come prima tappa è previsto il passo s.Marco passando dalla Val Brembana. Circa metà strada, dopo una curva, siamo costretti a fermarci a causa del passaggio di un gregge. In pochi secondi eravamo circondati da pecore. Situazione inusuale e per un certo verso divertente. Passato tutto il bestiame si riprende il viaggio. Si arriva al passo s.Marco. Il tempo, contrariamente alle previsioni, è ben soleggiato e ci consente di avere una bella vista e fare delle foto stupende. Purtroppo non c’è molto spazio dove fermarsi e quindi la sosta non dura molto. Riprendiamo verso Chiavenna per salire poi sul monte spluga verso il passo. Poco prima del confine troviamo il lago montespluga. Bellissimo veramente. Breve sosta per qualche foto e poco dopo siamo al confine con la Svizzera. Da lì la vista della strada a tornanti del passo dello spluga è spettacolare e ci fa soffermare per qualche minuto per ammirare quel panorama. Si riparte per scendere verso Spluga ma a metà strada ci rendiamo conto che farlo una volta sola è quasi un peccato. Allora decidiamo di rifarlo fermandoci ad un bar visto in cima appena dopo il valico.

   

Prendiamo una pausa ordinando 2 caffè. Al momento del conto deduco che deve essere un bene prezioso il caffè da quelle parti. 6,50 due tazzine!! La faccia di Maino era talmente allibita che ha ottenuto uno sconto per impietosimento. Risaliamo in sella e giù fino a Splugen. Si nota subito la diversità dal nostro paese. Tutto è perfetto, pulito e ordinato in maniera davvero maniacale. Si prosegue costeggiando l’autostrada per qualche chilometro fino ad arrivare a Thusis dove prendiamo lo svincolo che ci porta più su di quota. Mentre saliamo non possiamo fare altro che ammirare la natura incontaminata che ci circonda. Un occhio sempre vigile sul conta km per non oltrepassare i limiti che si sà, quelle zone sono famose per “bastonare” i trasgressori. D’altro canto i paesaggi, soprattutto in quella tratta, sono da ammirare e la velocità limitata rende possibile godersi a pieno quei luoghi. Proseguendo arriviamo ai piedi della salita del Julier pass. Man mano che saliamo inevitabilmente si aumenta l’andatura giusto quel tanto per divertirsi senza strafare. Senza traffico e con un ottima visibilità era impossibile trattenersi. Una serie di curve e di tornanti belli ampi la rendono una strada bella guidata e decisamente molto divertente. Arriviamo in cima e con un sorrisone che usciva addirittura dal casco decidiamo di rifarlo. Fatto il bis scendiamo verso st.Moriz per risalire subito dopo verso il passo del Bernina. Anche quel tratto meriterebbe un bis ma l’ora comincia ad essere tarda quindi si tira dritto verso la forcola per rientrare in Italia. Direzione Livigno dove avremo passato la notte. Hotel sporting, prezzo onestissimo, cibo ottimo e moto a dormire al sicuro in garage sotterraneo. Non potevamo chiedere di più. Durante la cena si discute sulle tappe del giorno dopo e optiamo per il lago di resia. La mattina, dopo un abbondante colazione, ci rimettiamo in marcia.

   

Ovviamente si riempiono i serbatoi di benzina fino all’orlo visto il €1,03/lt. Attraversiamo tutto Livigno per prendere poi il tunnel Munt la Schera e rientrare in Svizzera. Tunnel molto stretto che si percorre in senso alternato. Una volta passata la dogana, pochi km e siamo sul passo del forno, foto al cartello del passo e via senza perdere molto tempo. Il traffico verso il lago di resia è esagerato comunque essendo in moto riusciamo a svincolarci alla svelta. Arriviamo a Resia e al famoso campanile che emerge dal lago. Il posto è bellissimo e con questa Torre è molto suggestivo. Ormai la fame si fa sentire visto che è ora di pranzo, quindi si decide di mangiare un panino salsiccia e crauti su in cima allo Stelvio. Non avendo ancora fatto la salita verso il passo dal versante svizzero decidiamo di ritornare a s.Maria e fare appunto l’Umbrail pass che porta su in cima Coppi. Un altro passo dove ci sarebbe da fermarsi ad ogni curva per una foto. La strada piena di esse è tornanti nella vallata è incredibile. Si sale fino su al passo dello Stelvio. La giornata è splendida quindi si può solo immaginare quante moto c’erano. Mangiamo, souvenir e si scende verso Bormio. Avendo già fatto la scorsa volta il Gavia decidiamo di fare qualcosa di nuovo e fare il Mortirolo. Con alle spalle un giro di posti mozzafiato, il Mortirolo ci rimane un po “insipido”. Lo immaginavamo già, tuttavia la vista che c’è la in alto e davvero uno spettacolo. Pochissimo traffico sia nel salire che nel scendere ma la quantità di adesivi sul cartello del passo ci fa dedurre che comunque è una tappa ben frequentata. Scendiamo verso Edolo, Breno e costeggiamo il lago d’iseo.

   

Da Brescia verso Cremona non si vede altro che pianura. Abbiamo già un senso di “viaggio finito”. Le montagne le abbiamo ormai alle spalle come tutto il nostro giro. La monotonia della tangenziale dell’ultimo tratto porta automaticamente a fare delle riflessioni. Credo solo chi ha portato un casco capisca quanto siano profondi e dove possano arrivare i pensieri sotto quella visiera.
Ormai in conclusione si può dire che il viaggio è stato meglio delle aspettative. Ovviamente il “tarlo” presente per tutto questo tempo è stato il dispiacere per l’assenza di Sam e la sua mitica Gina. Davvero un peccato. Abbiamo una scusa per ritornare e rifare insieme questo giro che merita davvero una replica. Circa 750 km fatti, non moltissimi, ma considerando il fatto che sono stati fatti sulle Alpi e non in autostrade si può capire che questo giro ci ha fatto fare il pieno di emozioni.

Be Sociable, Share!

Ago 05 2015

3 Naked,3 Amici e tanti km insieme: Matteo racconta…..
3 Naked,3 Amici e tanti  km insieme: Matteo racconta….. avatar

Tag: Comunicazioni soci,GiteAmministratore @ 16:26

Come c’è già scritto nel titolo questo è il racconto del nostro nuovo socio MATTEO che insieme a MICHELE e FABIO si è fatto un week-end a scorrazzare sui piu’ bei passi che abbiamo nel nord ITALIA.

Io posso solo far i miei complimenti per aver portato con onore il logo del nostro GRUPPOZONAROSSA  per km e km e da quì faccio il copia ed incolla del  diario di viaggio.

GRANDE MATTEO

Ora racconta tu…………………

Era da un pò di tempo che pensavo di farmi un giretto di in paio di giorni in moto. Inizialmente ero orientato sulla Toscana ma visto il caldo esagerato di questa estate ho deciso di rimanere sulle Alpi e farmi qualche passo al fresco. Non c’è voluto molto per convincere Fabio e Michele a seguirmi. Dopo qualche giorno passato su google maps a studiare che strade fare si è arrivati ad una decisione. Protagonista il meteo che per tutta la settimana è stato contro di noi. Nonostante previsioni pessime decidiamo comunque di partire. Partenza sabato mattina alle 7 con prima tappa passo Giau salendo dal monte Baldo. Una volta sul Baldo una fermata forzata perché una vespa mi ha dato il benvenuto entrando nel casco pungendomi sul sopracciglio.

Mentre mi rimettevo in sesto vedo una goccia di pioggia sulla moto e da lì nasce il motto che ci seguirà per tutto il viaggio “goccia! Via via!” Non perdiamo molto tempo e ci rimettiamo in viaggio subito dopo. S.Pellegrino è il primo passo che troviamo e poi dopo qualche chilometro finalmente al Giau. 2236mt il panorama non può essere che spettacolare. Qualche foto e…goccia! Via via! Quindi su il casco e via verso il passo Pordoi. Mentre ci avviciniamo al passo il maltempo ci raggiunge e siamo costretti a indossare le tute anti acqua. Le nuvole oltretutto scendono parecchio e ci avvolgono riducendo notevolmente la visibilità. Fatta l’ultima galleria prima del passo magicamente la nuvola sparisce permettendoci di fare qualche foto. Da lì a poco la pioggia ci battezza per bene e decidiamo di scendere per avvicinarci à all hotel dove avremmo passato la notte.

Strada bellissima ma purtroppo essendo bagnata non ce la siamo goduta un granché. Purtroppo in quel tratto uno di noi scivola e cade. Fortunatamente niente di grave ma il morale ne ha risentito. Si arriva in hotel e dopo una cena ed una doccia “il caduto” decide che all’indomani sarebbe ritornato a casa visto anche le condizioni non più perfette della moto. Alla sveglia del mattino finalmente il sole fa da padrone e il viaggio continua. Ci salutiamo con un po di tristezza per ovvi motivi e proseguiamo. Direzione Merano verso il passo dello Stelvio. Mentre ci avviciniamo sappiamo di essere quasi arrivati quando troviamo l’inconfondibile cartello del 48′ tornante. Cominciamo la salita, destra, sinistra destra sinistra… mentre salivo ero incredulo che stessi facendo quella strada che fino a quel momento avevo visto solo in foto. Arriviamo in vetta. La vista è qualcosa di unico. Mi accorgo che le foto viste fino a quel momento non rendono per niente quello che realmente è. Ancora sbalordito dal panorama del versante del Trentino alto Adige e con un panino salsiccia e crauti nello stomaco, ci avviciniamo a quello lombardo per scendere. Altri 36 tornanti ci aspettano e mentre scendiamo verso Bormio non riesco ancora a credere che sono stato davvero sul famosissimo Stelvio. Tappa caffè giù in paese e dopo una rapida occhiata alla mappa decidiamo di fare una deviazione al giro prestabilito e salire sul Gavia invece di fate l’aprica.

Non essendomi informato prima su questo passo non sapevo cosa mi aspettava. Cominciamo a salire, strada molto stretta e tortuosa ma la vista è a dir poco meravigliosa. Il ghiacciaio che sciogliendosi formano delle piccole cascate e laghetti apparentemente artificiali. Da cartolina! Ogni tornante era una foto. Giù da quel passo ci si trova a ponte di legno e visto che era abbastanza presto decidiamo di non far mancare alla lista dei passi il passo del tonale. Strada fantastica. Un asfalto impeccabile e tipi di curve che permettono un andatura un po più sostenuta e divertirsi come si deve. Arrivati a Dimaro teniamo per Madonna di Campiglio e si prosegue con un altro tratto di strada davvero divertente. Purtroppo dopo pochi chilometri siamo costretti a fermarci per rimettere le tute anti acqua. Fortunatamente smette di piovere poco dopo e arrivati ad Anfo ci togliamo le tute con la speranza di non rimetterle più visto che ormai manca poco alla fine del viaggio.

Direzione Brescia e dopo un centinaio di chilometri arriviamo a casa. Non sono motociclista da tanto tempo e questi 2 gironi di curve e panorami incredibili mi hanno fatto innamorare sempre di più a questo mondo delle 2 ruote. Doverosi sono due i ringraziamenti, uno ai miei compagni di viaggio che mi hanno seguito in questa impresa, l’altro e forse il più importante, va alle nostre povere morose abbandonate a casa che ci sopportano e che hanno aspettato sicuramente un po preoccupate il nostro ritorno.

Be Sociable, Share!

Apr 13 2010

Week-End in Toscana
Week-End in Toscana avatar

Tag: Comunicazioni soci,GiteAmministratore @ 09:08

Anche quest’ anno il GRUPPO ZONA ROSSA organizza per il ponte del 1° MAGGIO  un week-end in TOSCANA

tt2

t4t5Ci scusiamo per il ritardo dell’ informazione…….( ma si sa che chi vuol venire decide anche in pochi giorni, vedendo il successo della scorsa stagione),  quindi ecco il programma :

 

Partenza per il giorno VENERDI’  30 APRILE ( con possibilità di due gruppi:  1° part. ore 15:30 — 2°part.  ore 18:30 ) direttamente dalla sede ( cena in albergo)

Pernottamento in albergo  per due notti — HOTEL EUROPA  a  PALAZZUOLO SUL SENIO — 

Itinerari per le due giornate decisi insieme a tavola  ( tanto ogni strada in TOSCANA è fantastica………quindi!!!!)

Rientro a casa previsto per DOMENICA 2 MAGGIO orario cena

Prezzo albergo  MEZZA PENSIONE è di 30€ a persona  al giorno.

Per info contattare il responsabile gite PAOLO ( GHIRO)  cell. 3471345325

PER CONFERMA:  commento sul sito o sms sul cell

t3t6 gs-ciao

 

 

 

 

 

 

—- SAREBBE GRADITA UNA CAPARRA DI 30 € DA VERSARE DIRETTAMENTE IN SEDE  DOPO LA CONFERMA——–

Be Sociable, Share!